“Parchi per Kyoto in Comune”: ANCI e Comitato firmano il Protocollo di intesa

Bruno Valentini, Presidente della Commissione Ambiente e Territorio dell’ANCI, e Antonio Ferro, Presidente del Comitato onlus Parchi per Kyoto, hanno sottoscritto oggi a Roma il Protocollo di intesa per l’avvio del progetto “Parchi per Kyoto in Comune” con l’obiettivo di promuovere la realizzazione di aree verdi di biodiversità nei Comuni Italiani attraverso meccanismi di sponsorizzazione.

Alla conferenza stampa hanno partecipato anche, in qualità di rappresentanti dei soggetti promotori del Comitato Parchi per Kyoto: Tore Sanna, Vice Presidente di Federparchi-Europarc Italia, Sergio Andreis, Direttore di Kyoto Club e Antonio Nicoletti, Responsabile nazionale aree protette e biodiversità di Legambiente. È intervenuto, inoltre, l’ing. Giorgio Boldini, membro del Comitato per lo sviluppo del verde pubblico istituito presso il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare.

“Parchi per Kyoto in Comune” è un progetto innovativo, voluto dal Comitato Parchi per Kyoto e da ANCI, attraverso il quale le Amministrazioni Comunali potranno realizzare interventi di forestazione volti a dar vita ad aree verdi urbane di biodiversità. I Comuni intendono in questo modo offrire un ulteriore contributo per la mitigazione degli effetti del cambio climatico, oltre che per frenare la perdita di biodiversità, compensare le emissioni di CO2, prevenire il dissesto idrogeologico e proteggere il suolo migliorando la qualità dell’aria e la vivibilità degli insediamenti urbani, con particolare attenzione alle aree censite nel catasto comunale incendi boschivi, di cui alla legge n. 353/2000.

Attraverso la realizzazione dei Parchi urbani i Comuni avranno, inoltre, la possibilità di rispondere alle previsioni della legge n. 10/2013, fra le quali l’obbligo di piantare un albero per ogni neonato o minore adottato e la promozione dell’incremento di polmoni e cinture verdi per delimitare gli spazi urbani. L’avvio dei progetti di forestazione rappresenterà, inoltre, una preziosa occasione a livello locale per sensibilizzare i cittadini sull’importanza del Protocollo di Kyoto e stimolare la riflessione sulle politiche urbane finalizzate alla riduzione delle emissioni dei gas serra responsabili del riscaldamento del pianeta.

Leggi il Comunicato Stampa completo